i professinisti del sorriso
Curasept Curasept Daycare Buccagel Afte Curaprox

Lo sbiancamento dentale

I denti non hanno solo una funzione masticatoria, ma rivestono anche un importante ruolo sociale. Nella moderna società infatti, un sorriso ordinato, pulito e smagliante ha acquisito un valore sempre più elevato, perchè comunica salute, bellezza e aiuta a sentirsi più sicuri con se stessi e con gli altri. Lo dimostra il fatto che negli ultimi anni è aumentato l'interesse nei confronti della cosmesi dentale e in particolare verso lo sbiancamento dentale, l'insieme delle procedure che si attuano per rimuovere dalla superficie dei denti tutte le sostanze o i materiali pigmentati che contribuiscono a conferire un colore scuro. Per natura, il colore dei denti è simile all'avorio, ma cambia da persona a persona: può tendere al giallo, al grigio, al rossastro. Purtroppo, col passare del tempo i denti modificano facilmente il proprio colore, e quando l'igiene orale non basta è necessario intervenire in modo specifico per riportarli al loro bianco naturale



Perchè i denti cambiano colore

La pigmentazione dei denti è legata alla loro struttura, in particolare a quella dello smalto. Essendo formato da minuscoli prismi distanziati tra loro, lo smalto ha un potere assorbente: tra i suoi prismi penetra infatti materiale organico che ingloba le particelle di ciò che viene a contatto con i denti, macchiandoli. Questo accade soprattutto dove i prismi sono più distanziati tra loro, mentre uno smalto compatto è meno soggetto a pigmentazione.

Le tipologie di macchie

A seconda delle cause, esogene (esterne all'organismo) o endogene (interne all'organismo), le macchie dentali si suddividono in due categorie: estrinseche o intrinseche.

Macchie estrinseche.

Macchie superficiali eliminabili con una corretta igiene orale (spazzolino e dentrificio specifico) o con l'aiuto di metodi professionali di pulizia, per le macchie più ostinate.

Principali cause delle macchie estrinseche:

  • Cibi e bevande (caffè, tè, vino rosso, coloranti artificiali, etc)
  • Fumo (nicotina a residui catramosi)
  • Placca batterica e tartaro
  • Clorexidina

Macchie intrinseche.

Causate dalla pigmentazione e mineralizzazione dei germi penetrati tra i prismi dello smalto, colpiscono denti vitali e non vitali.

Principali cause delle macchie intrinseche:

  • Denti vitali: antibiotici (tetracicline), assunzione di Fluoro (fluorosi), itterizia.
  • Denti non vitali: emoraggie interne alla polpa, traumi vari, decomposizione e necrosi della polpa

 

I differenti trattamenti sbiancanti

Esistono diverse metodiche di sbiancamento dentale, anche se oggi la continua ricerca di nuove tecniche e materiali garantisce risultati sempre più reali sia dal dentista che a casa propria. I trattamenti più efficaci sono a base di componenti come il Perossido di Carbamide e il Perossido di Idrogeno che rilasciano ossigeno attivo in grado di ossidare le sostanze pigmentanti intrappolate tra i prismi dello smalto e renderle incolori, facendo così apparire il dente più chiaro. A seconda delle concentrazioni di principio attivo bisogna distinguere tra i trattamenti domiciliari, utilizzabili direttamente dal paziente e acquistabili anche in Farmacia, e i trattamenti a uso esclusivo professionale del dentista (dotati normalmente di concentrazioni più elevate)

Trattamenti domiciliari

  • Hanno una concentrazione di Perossido di Carbamide che non supera il 18% (equivalente al 6% di Perossido di Idrogeno)
  • Possono presentarsi nella forna di pennellino applicatore, mascherine da scaldare e adattare in bocca o cerottini adesivi.

Trattamenti professionali

  • Possono essere applicati direttamente alla poltrona con una seduta di 30-60 minuti che assicura risultati praticamente immediati.
  • Possono essere applicati attraverso una speciale mascherina fabbricata dal dentista che il paziente dovrà utilizzare a casa propria, durante il sonno, per circa 7 notti. Al termine potrebbero verificarsi episodi di ipersensibilità al freddo, destinati a risolversi con la sospensione del trattamento.

I trattamenti sbiancanti sia domiciliari che professionale, possono essere applicati in completa sicurezza: se vengono rispettate scrupolosamente le indicazioni non provocano alcun danno.